CEI - Conferenza Episcopale Italiana - Servizio Informatico - Ufficio Nazionale per i Beni culturali Ecclesiastici e l'edilizia di culto
25/6/2022 Diocesi di Bergamo - Inventario dei beni culturali immobili
Chiesa di San Bernardino <Villa di Serio>
Data ultima modifica: 21/06/2012, Data creazione: 4/10/2010


Tipologia e qualificazione chiesa sussidiaria


Denominazione Chiesa di San Bernardino


Altre denominazioni S. Bernardino


Ambito culturale (ruolo)  maestranze bergamasche (costruzione)



Notizie storiche  XVI - 1505 (costruzione intero bene )
eretta agli inizi del cinquecento dalla Scuola di Santa Maria, Confraternita sovrintendente alla chiesa di Santa Maria in Campis
XVI - XVIII (parrocchialità intero bene)
dopo la costruzione la chiesa venne dedicata a San Bernardino, pacificatore delle antiche fazioni, divenne la sede della confraternita dei Disciplini, che vi restarono fino al 1799



Descrizione  La chiesa presenta la sua facciata a ridosso della strada comunale, sprovvista di marciapiede, crea una strettoia su di essa. Il fronte principale, rivolto verso ovest, è caratterizzato da una tessitura muraria continua in opus spicatum, con il posizionamento negli angoli di blocchi lapidei squadrati e di mattoni in laterizio, probabilmente innestati a seguito di consolidamenti strutturali. Al centro del prospetto principale si trova un portale trabeato, oggi tamponato, con sopra nicchia in muratura a tutto sesto contenete un affresco. Ai lati del portale ci sono due finestre quadrate, una per lato, contornate da profilo in pietra locale e complete di inferriata di sicurezza. Sopra il portale trova posto un piccolo rosone con contorno di mattoni pieni in laterizio ed oltre ancora, conclude il prospetto un aggetto di gronda. Ai lati della chiesa, davanti ai prospetti nord e sud vi sono due ampi spiazzi asfaltati, che anticipano le facciate coerenti con la tecnica costruttiva del prospetto principale. Internamente la chiesa è a pianta rettangolare ad unica navata divisa in tre campate da due archi a sesto acuto. Le tre campate hanno tutte due finestre rettangolari, una per lato, poste in alto e disallineate con la mezzeria della campata, mentre nella campata centrale vi sono gli unici ingressi alla chiesa. Il presbiterio è a pianta rettangolare ed è preceduto dal solito arco trionfale e da due gradini in pietra. Spiccano l'altare comunitario e l'ambone posti dopo il Concilio Vaticano II, mentre è assente l'alare maggiore e il tabernacolo è incassato nella parete di fondo.

Impianto strutturale
edificio in muratura continua
Pianta
pianta rettangolare ad unica navata divisa in tre campate da archi a sesto acuto. Il presbiterio, diviso dall'aula da arco trionfale a tutto sesto e rialzato di due gradini rispetto a quest'ultima, presenta una pianta rettangolare di poco più stretta della navata
Coperture
la copertura è a due falde con struttura in legno a vista sull'intradosso, e manto di copertura in coppi di laterizio
Elementi decorativi
l'impianto decorativo è nel complesso piuttosto semplice, le pareti intonacate a civile mostrano frammenti di affreschi. L'intradosso della copertura in legno è decorato con motivi floreali.
Struttura
le murature perimetrali sono state realizzate con la tecnica opus spicatum, utilizzando ciottoli del fiume Serio



Adeguamento liturgico  altare - aggiunta arredo (1990 - 2000)
aggiunta di altare comunitario realizzato in legno intagliato e dipinto rivolto verso l'aula in funzione delle direttive dettate dal Concilio Vaticano II.
ambone - aggiunta arredo (1990 - 2000)
aggiunta di ambone realizzato in legno intagliato e dipinto rivolto verso l'aula in funzione delle direttive dettate dal Concilio Vaticano II.






Collocazione geografico - ecclesiastica


Regione Ecclesiastica Lombardia
Diocesi di Bergamo
Vicariato locale di Alzano
Parrocchia di Santo Stefano Protomartire

via Locatelli n.8 - Villa di Serio (BG)


Edifici censiti nel territorio
dell'Ente Ecclesiastico


Altre immagini
Tutti i dati sono riservati. Non e' consentita la riproduzione, il trasferimento, la distribuzione o la memorizzazione di una parte o di tutto il contenuto delle singole schede in qualsiasi forma. Sono consentiti lo scorrimento delle pagine e la stampa delle stesse solo ed esclusivamente per uso personale e non ai fini di una ridistribuzione.