CEI - Conferenza Episcopale Italiana - Servizio Informatico - Ufficio Nazionale per i Beni culturali Ecclesiastici e l'edilizia di culto
10/8/2022 Diocesi di San Benedetto del Tronto - Ripatransone - Montalto - Inventario dei beni culturali immobili
Chiesa di Cristo Re <San Benedetto del Tronto>
Data ultima modifica: 06/11/2017, Data creazione: 27/10/2008


Tipologia e qualificazione chiesa parrocchiale


Denominazione Chiesa di Cristo Re


Ambito culturale (ruolo)  architettura contemporanea (costruzione)



Notizie storiche  1955 - 1955 (progettazione intero bene)
La chiesa è stata progettata nel 1955 dall'architetto Innocenzo Sabbatini (B. Regni - M. Sennato, "Innocenzo Sabbatini. Architetture tra tradizione e rinnovamento", Roma, Kappa, 1982, pp. 73, 76, 119).
1955 - 1955 (inizio lavori intero bene)
La chiesa è stata costruita nel corso della seconda metà degli anni Cinquanta; istituita la nuova parrocchia il 22 giugno 1955, la posa della prima pietra risale al 30 ottobre dello stesso anno (V. Catani, "La Chiesa Truentina", t. IV, "Le diocesi di Montalto e Ripatransone unite nello stesso vescovo 1924-1983", Acquaviva Picena, Fast Edit, 2012).
1961 - 1961 (consacrazione al culto intero bene)
La chiesa è stata consacrata al culto il 29 giugno 1961(V. Catani, "La Chiesa Truentina", t. IV, "Le diocesi di Montalto e Ripatransone unite nello stesso vescovo 1924-1983", Acquaviva Picena, Fast Edit, 2012).



Descrizione  La chiesa, a pianta esagonale, è sovrastata da una sorta di conforme lanterna che illumina lo spazio interno dall'alto. All'esterno la lanterna, provvista di una finestra per lato, si raccorda tridimensionalmente con la complessa articolazione delle falde della copertura. All'aula esagonale, cuore della composizione architettonica, si aggregano lo spazio semicircolare che accoglie il presbiterio e, simmetricamente a questo, due cappelle, sempre semicircolari, che accolgono il fonte battesimale e la custodia eucaristica. Alla destra ed alla sinistra della parete d'ingresso, opposta al presbiterio, si trovano due piccole cappelle di forma poligonale. Di un certo rilievo le relazioni con lo spazio urbano che si sostanziano, soprattutto, nell'integrazione tra la piazza ed il porticato della chiesa, spazio principale di transizione tra l'interno e l'esterno. Sopraelevato di tre gradini, il porticato si caratterizza per il profilo seghettato della copertura che, sostenuta da sei pilastri in cemento armato, rastremati e scanalati, risulta parzialmente a sbalzo con le travature della struttura portante messe in risalto rispetto al tamponamento orizzontale.

Interno
La chiesa è impostata sulla forma esagonale dell'aula con il presbiterio semicircolare, opposto all'ingresso, e le due cappelle, sempre semicircolari, poste alla destra ed alla sinistra del presbiterio, che accolgono il fonte battesimale e la custodia eucaristica. Ai lati della parete d'ingresso si trovano due piccole cappelle poligonali. L'aula è coperta da un articolato sistema di falde con travature in cemento armato poste in rilievo. La copertura, sostenuta da quattro articolati pilastri rastremati, è impostata sulla geometria del triangolo e consta di un complesso sistema di travi a V che richiama i virtuosismi strutturali dell'età barocca. La parte bassa della copertura, che sostituisce la tradizionale cupola, è sovrastata da un'alta lanterna, sempre di forma esagonale. Il presbiterio, che richiama lo spazio tradizionale dell'abside, si apre verso l’assemblea attraverso la larga e volumetrica inquadratura fra i due pilastri frontali, il cui superiore raccordo mediante le travi oblique della struttura di copertura individua una sorta di frontone templare, completato nel relativo timpano di tamponamento da una pittura murale raffigurante Cristo Re. Dietro l'altare, posto al centro del presbiterio, si trova la sede e dietro a questa una grande vetrata artistica policroma. Ai lati di questa, realizzati in legno, si dispongono gli stalli del coro. Rispettivamente alla sinistra ed alla destra dell'altare si trovano l'ambone e l'organo. Alla sinistra dell'ambone si trova una porta che collega la chiesa con la sacrestia. Le superfici interne sono intonacate e tinteggiate con tonalità di colore chiaro. A prevalere è però l'apparato decorativo costituito da vetrate artistiche, quadri e pitture murali dai colori vivaci.
Facciata
La facciata della chiesa presenta un ampio porticato, aggiunto in tempi relativamente recenti, con il profilo seghettato della copertura originato dall'aggregazione di tre parti di tetto a capanna, nella parte centrale, e di due parti piane laterali. Sopra il porticato domina la grande lanterna esagonale, posta all'apice di una complessa copertura a falde. Il fronte ovest, in parte protetto dal porticato, presenta un paramento in pietra con tre porte d'ingresso: quella principale, architravata e di maggiori dimensioni, posta al centro del prospetto; quelle collaterali, riecheggianti nella luce il profilo a spioventi dei corrispondenti settori a baldacchino del portico. La porta principale è sovrastata dall'iscrizione CRISTO RE e da un pannello decorativo a mosaico di forma triangolare.



Adeguamento liturgico  altare - aggiunta arredo (1970 - 1980)
Modifica dell'altare al fine della celebrazione rivolta verso i fedeli.






Collocazione geografico - ecclesiastica


Regione Ecclesiastica Marche
Diocesi di San Benedetto del Tronto - Ripatransone - Montalto
Parrocchia Cristo Re

P.zza Del Redentore - San Benedetto del Tronto (AP)


Edifici censiti nel territorio
dell'Ente Ecclesiastico

Tutti i dati sono riservati. Non e' consentita la riproduzione, il trasferimento, la distribuzione o la memorizzazione di una parte o di tutto il contenuto delle singole schede in qualsiasi forma. Sono consentiti lo scorrimento delle pagine e la stampa delle stesse solo ed esclusivamente per uso personale e non ai fini di una ridistribuzione.