CEI - Conferenza Episcopale Italiana - Servizio Informatico - Ufficio Nazionale per i Beni culturali Ecclesiastici e l'edilizia di culto
10/8/2022 Diocesi di Potenza - Muro Lucano - Marsico Nuovo - Inventario dei beni culturali immobili
Chiesa di Sant'Antonio Abate <Pignola>
Data ultima modifica: 14/05/2018, Data creazione: 27/10/2008


Tipologia e qualificazione chiesa sussidiaria


Denominazione Chiesa di Sant'Antonio Abate


Ambito culturale (ruolo)  maestranze lucane (costruzione)



Notizie storiche  XV - XV (inizio lavori intero bene)
La chiesa fu eretta nel 1400 e dell'edficio originale oggi restano solo le strutture murarie ed il monumentale portale in pietra, mentre l’interno e’ il risultato di varie aggiunte. Originariamente essa era formata da una sola navata centrale in stile barocco, simile alla Chiesa di San Rocco al Convento. L'edificio terminava con un arco in cui trovava posto un altare in legno su cui si ergeva una nicchia che racchiudeva la statua di Sant'Antonio Abate.
1892 - 1892 (completamento intero bene)
Nel 1892, in seguito alla demolizione dell'adiacente chiesa dell’Annunziata, sono state inglobate nella struttura della chiesa originale l'attuale zona presbiteriale e le cappelle attigue.
1999 - 1999 (completamento intero bene)
Nel 1999 la chiesa è stata impreziosita, su commissione della Pro Loco, con una porta in bronzo, opera dello scultore Antonio Masini. Si tratta della Porta del Giubileo: infatti nell’anta centrale, che scandisce tutto lo spazio verticale, sono rappresentati in grandezza naturale, un uomo e una donna che sollevano verso l’alto un bambino. L'immagine rappresenta il confronto tra due generazioni, l'adulto ed il bambino, ma il rimando implicito e simbolico è al secolo vecchio che sta lasciando il posto al secolo nuovo. Le due ante laterali raffigurano invece momenti biblici significativi quali il passaggio del Mar Rosso, la liberazione del popolo eletto ed alcuni pellegrinaggi a Gerusalemme, a Roma, a Santiago de Compostela.



Descrizione  La chiesa si presenta all’esterno con una facciata lineare caratterizzata dalla presenza di un portale databile al XVIII secolo di notevole pregio, probabilmente scolpito da chi lavorò i due portali della Chiesa Madre, che presenta una cornice sagomata con ovoli e volute, e sormontato da una trabeazione molto aggettante su cui è un timpano spezzato con volute al cui interno si trova un riquadro ovale, decorato anch'esso con volute, contenente l’immagine a rilievo di Sant'Antonio Abate. Al suo interno un'unica navata, con tre arcate cieche per lato, conclusa da un arco che si innesta nel presbiterio che a sua volta si espande, mediante arcate parallele, in due cappelloni laterali. Sul presbiterio, leggermente rialzato rispetto al piano di calpestio, sono collocati la mensa e l'ambone in travertino e la sede presidenziale in legno. Sulla parete di fondo interamente dipinta in Street-art si apre un finestra rettangolare con vetrata istoriata raffigurante il crocefisso, ai cui lati sono poste quattro statue collocate su mensola. Sotto la finestra c'è un piccolo abside al cui centro è il ciborio. Nella cappella laterale sinistra, inoltre, è presente una nicchia nella parete con la statua del Sacro Cuore, mentre nella cappella destra si trovano l'organo a canne e una croce astile del XVIII secolo. L'area esterna e` a ridosso di strada pavimentata adibita alla circolazione pedonale e veicolare.

Impianto strutturale
Edificio in muratura portante continua in pietrame locale intonacato e tinteggiato sia internamente che esternamente. La tinteggiatura sia interna che esterna, in alcuni tratti, non si trovano in buono stato di conservazione.
Pianta
Schema planimetrico con forma particolare (derivante da trasformazioni succedutesi nel tempo) ad una sola navata longitudinale con tre arcate cieche per lato e conclusa da un arco che si innesta nel presbiterio che a sua volta si espande, mediante arcate parallele, in due cappelloni laterali. In tal modo la planimetria globale diventa una T (tau) greca.
Coperture
Tetto a padiglione sulla navata centrale e sulla cappella laterale sinistra, a due falde sulla zona presbiteriale e sulla cappella laterale destra. Copertura di tegole a coppi in cotto.
Pavimenti e pavimentazioni
Pavimentazione interna in marmi di buona fattura.
Elementi decorativi
Vi si possono ammirare l’antichissima statua lignea di S. Antonio Abate e dipinti di notevole interesse storico-artistico
Elementi decorativi
L'interno della chiesa presenta interessanti opere d'arte: sul lato destro una Trasfigurazione, una Madonna del Carmelo con le anime purganti, una Vergine con Bambino, San Giovanni Battista e S. Agata; sul lato sinistro una Annunciazione, un San Rocco e una Madonna delle Grazie.
Elementi decorativi
Nella sagrestia si conserva una tela raffigurante San Michele Arcangelo, mentre nel presbiterio sono presenti la tela della Crocifissione e due sculture in legno policromo raffiguranti l’Addolorata e Sant'Antonio Abate entrambi del XVII secolo. Quest'ultimo presenta i suoi consueti attributi: il saio, il bastone da pellegrino, il libro, il fuoco e il maialetto.



Adeguamento liturgico  presbiterio - intervento strutturale (1972)
E’ stata prevista l'organizzazione dell'area presbiteriale, con la sistemazione di un altare e di un ambone in marmo policromo, e sede della presidenza in legno. La custodia eucaristica è costituita da un tabernacolo posto nella muratura, alle spalle dell'altare






Collocazione geografico - ecclesiastica


Regione Ecclesiastica Basilicata
Diocesi di Potenza - Muro Lucano - Marsico Nuovo
Parrocchia di Santa Maria Maggiore

Via Garibaldi - Pignola (PZ)


Edifici censiti nel territorio
dell'Ente Ecclesiastico


Altre immagini
Tutti i dati sono riservati. Non e' consentita la riproduzione, il trasferimento, la distribuzione o la memorizzazione di una parte o di tutto il contenuto delle singole schede in qualsiasi forma. Sono consentiti lo scorrimento delle pagine e la stampa delle stesse solo ed esclusivamente per uso personale e non ai fini di una ridistribuzione.